G7 PARI OPPORTUNITÀ: A TAORMINA L’EMPOWERMENT DELLE DONNE, MOTORE DELLA CRESCITA GLOBALE

A Taormina la riunione ministeriale G7 sulle Pari Opportunità. Hanno partecipato i Ministri di Canada, Giappone, Stati Uniti, Germania, Francia e Gran Bretagna e la Commissaria europea per la giustizia, la tutela dei consumatori. La riunione ministeriale è stata incentrata sull’empowerment economico delle donne quale motore della crescita e dello sviluppo globale


16 Novembre 2017 - Si è svolta, mercoledì 15 e giovedì 16 novembre, a Taormina la riunione ministeriale per le Pari Opportunità dei Paesi del G7 con la quale si chiudono le attività dell’anno di Presidenza italiana. Alla riunione, presieduta dalla Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio con delega alle Pari Opportunità Maria Elena Boschi, hanno partecipato i Ministri di Canada, Giappone, Stati Uniti, Germania, Francia e Gran Bretagna e la Commissaria europea per la giustizia, la tutela dei consumatori e l’uguaglianza di genere Věra Jourová.
La riunione ministeriale è stata incentrata sull’empowerment economico delle donne quale motore della crescita e dello sviluppo globale, e indicatore di benessere sociale.

Seguendo la roadmap adottata lo scorso maggio dai leader del G7 per la promozione della parità di genere, i Ministri hanno affrontato due principali temi: la riprogettazione del mercato del lavoro e del sistema di welfare per liberare il potenziale femminile sia in ambito economico che politico; l’empowerment economico delle donne come strumento di prevenzione e di lotta alla violenza di genere, nonché di contrasto al fenomeno della tratta delle donne e delle bambine migranti.

Il G7 è iniziato la mattina di mercoledì 15 novembre con il saluto della Sottosegretaria Boschi alle delegazioni degli altri Paesi, la foto di famiglia alle ore 12 e il pranzo di lavoro presso il Palazzo Duchi di Santo Stefano. In serata, il trasferimento a Catania, al Teatro Massimo Bellini, per assistere all’esibizione straordinaria per il G7 Pari Opportunità dell’étoile al Teatro della Scala di Milano Roberto Bolle.

Giovedì la sessione di lavoro dei Ministri è stata preceduta da una visita al centro gestito dall’associazione onlus Penelope che, nel messinese, offre assistenza ad alcune giovani donne vittime di tratta. Al termine, si è tenuta la conferenza stampa finale.

Attivo da oggi il piano di sicurezza finalizzato a garantire il sereno e ordinato svolgimento del vertice “G7 Pari opportunità” che si svolgerà a Taormina il 15 e 16 novembre 2017 con la partecipazione dei ministri, titolari del relativo dicastero dei Paesi del G7.
I dispostivi di sicurezza sono stati condivisi a livello provinciale nelle Riunioni Tecniche di Coordinamento in prefettura e compendiati nella specifica ordinanza del Questore di Messina. Servizi che sono calibrati per garantire l’assoluta sicurezza del vertice, consentendo al contempo la totale fruizione della città di Taormina da parte della cittadinanza e dei turisti.

In campo tutte le Forze di Polizia, i Vigili del Fuoco, la Polizia metropolitana, le Polizie Locali, il Corpo Forestale della Regione Siciliana, nonché, per il dispositivo a mare, la Capitaneria di Porto in stretto raccordo con il Reparto Aeronavale della Guardia di Finanza.
Impiegate anche le unità specializzate antiterrorismo della Polizia di Stato e dei Carabinieri accanto ad artificieri, cinofili e tiratori scelti.

Ad integrare i dispositivi di sicurezza anche aliquote di rinforzo messe in campo dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno.
Impiegati gli elicotteri della Polizia di Stato e dei Carabinieri, le unità navali della Guardia di Finanza e della della Capitaneria di Porto.
Previsti vari servizi di sicurezza statici e presidi fissi ai luoghi ove si svolgeranno i diversi momenti del Vertice, e servizi dinamici come servizi specifici di Ordine e Sicurezza pubblica per i diversi eventi in programma.

Tutte le personalità partecipanti hanno apposti servizi di tutela ed è stato rafforzato il controllo del territorio grazie anche all’impiego del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato e dei Carabinieri.

Commenti